Workshops 2022

Marco Delogu

I sentieri della transumanza

Con Marco Delogu saranno percorsi i sentieri dei pastori, un sentiero della transumanza, visitati ovili e incontrati pastori. Obiettivo del corso è quello di ritrarre la ritualità di un lavoro antichissimo che non è cambiato. Le fotografie descriveranno atmosfere del paesaggio, e i protagonisti di questi paesaggi, appunto pecore e uomini. Tre giorni pieni di fotografie, senza tempo e senza fretta.

George Georgiou e Vanessa Winship

The Path as a Destination

Quando iniziamo un progetto, che sia esso basato sulla ricerca o pratico, iniziamo selezionando un’idea incorporata nel mondo. Questi progetti possono portare il peso di essere indagini su se stessi, o di essere una visione più ampia del mondo – il clima politico e culturale del momento può spesso condurre un artista verso nuove scoperte e nessuno dei due esempi si esclude a vicenda. Quando si seleziona una base di progetto, è importante raccogliere e descrivere, riprendere, delineare e abbozzare le informazioni che formeranno il lavoro e considerare il modo migliore per formare e guidare una visione personale verso un risultato riuscito. George e Vanessa lavoreranno con i partecipanti per esaminare il loro processo, incoraggeranno e aiuteranno i partecipanti a considerare ciò che è di vera importanza per loro. L’obiettivo sarà quello di liberarti dalla pressione di dover “fare delle belle foto” per cercare più liberamente il tuo rapporto con il tuo progetto

Jem Southam

Thinking Adventurously

I partecipanti al workshop saranno invitati a riflettere sul potenziale e sulle limitazioni del mezzo fotografico nell’esplorare tematiche relative alla storia dei luoghi e al loro passato. Verranno analizzate pratiche visive di story-telling, e combinazioni virtuose di fotografia e testo, nel tentativo di rendere conto delle storie nascoste dei luoghi. Jem Southam, maestro della fotografia di paesaggio, invita a un “pensiero visivo avventuroso” (thinking adventurously), per esplorare il modo in cui il tempo e la storia sono incorporati in ogni fotografia.

Il workshop prevede la collaborazione di Luca Nostri.

Biografie docenti

È un fotografo, curatore ed editore di fotografia. Da luglio 2015 è direttore dell’Istituto Italiano di Cultura a Londra. Ha fondato e diretto per quindici anni FOTOGRAFIA – Festival Internazionale di Roma ed il progetto Rome Commission. Nel 2006 ha anche fondato la casa editrice di fotografia contemporanea Punctum. Come fotografo la sua ricerca si è mossa dal ritratto delle comunità fino ad un percorso interiore sulla natura. I suoi ultimi lavori sono La Natura della Notte, Luce Attesa e Asinara.

George Georgiou è un fotografo britannico nato a Londra. Il lavoro di George si concentra principalmente sulle complessità dell’individuo in
rapporto con la comunità e lo spazio pubblico urbano.
Ha prodotto 3 monografie: “Fault Line/Turkey/East/West” 2010, “Last Stop” 2015 e “Americans Parade” – selezionato in shortlist da Aperture/Paris Photo
come miglior foto libro del 2019. Il suo lavoro è stato esposto in molte gallerie e musei a livello internazionale ed è stato inserito nella prestigiosa mostra “New Photography 2011″  al Museum of Modern Art di New York. Americans Parade è attualmente in mostra all’ICP di New York. Diverse istituzioni e collezionisti privati, tra cui il Museo di Modern Art, NY e la collezione Elton John, hanno collezionato Georgiou. I premi includono il premio del progetto The British Journal of Photography 2010, due premi World Press Photo nel 2003 e nel 2005, Immagini dell’anno Primo premio internazionale per Istanbul Bombs nel 2004.

Vanessa Winship (1960) nata e residente nel Regno Unito è un’autrice indipendente
che lavora nel campo della fotografia documentaria contemporanea. È conosciuta sia per il suo stile di reportage di osservazione che per i suoi
ritratti e paesaggi.
Ha vissuto e lavorato a livello internazionale tra cui, ma non esclusivamente, nel
Regno Unito, Balcani, i paesi del Mar Nero e gli Stati Uniti.
Il suo lavoro è stato esposto in mostre collettive e personali a livello internazionale
tra cui Arles, Francia, 2008 e Fondazione Henri Cartier Bresson, Parigi
2013. La sua prima grande mostra personale nel Regno Unito è stata alla Barbican Art Gallery, a Londra, nel 2018, esponendo al fianco di Dorothea Lange.
Sue opere si trovano in numerose collezioni pubbliche e private tra cui: Fondazione Henri Cartier Bresson, Francia; Neuflize Vie, Francia; Fundacion Mapfre, Spagna; Do Good Fund, USA; Museo Nelson Atkins, USA; Collezione Sir Elton John, USA/Regno Unito; Tate Gran Bretagna, Regno Unito.
È stata artista in residenza in Sardegna, Italia 2014 (con Georgiou)
Sete, Francia, 2019 e, più recentemente, Cumbria, Regno Unito 2019/20
È soggetto e autore di numerosi libri e cataloghi ed ha ricevuto l’HCB Award, due World Press Awards e diversi altri premi per i suoi ritratti. È stata insignita della Honorary Fellowship presso la Royal Photographic Society
2018 ed è membro dell’Agence Vu a Parigi, Francia.

Jem Southam, nato a Bristol nel 1950, è uno dei principali fotografi del Regno Unito. È famoso per la sua serie di fotografie di paesaggi a colori, iniziata negli anni ’70 e continuata fino ai giorni nostri. Il suo marchio di fabbrica è l’osservazione paziente dei cambiamenti in un unico luogo per molti mesi o anni.

I soggetti di Southam sono prevalentemente situati nel sud-ovest dell’Inghilterra, dove vive e lavora. Osserva l’equilibrio tra la natura e l’intervento dell’uomo e traccia cicli di decadenza e rinnovamento. Il suo lavoro combina l’osservazione topografica con altri riferimenti: personali, culturali, politici, scientifici, letterari e psicologici. Il metodo di lavoro di Southam combina il predeterminato e l’intuitivo. Viste insieme, le sue serie suggeriscono la creazione di percorsi verso la risoluzione visiva e intellettuale.

Southam è noto per il suo uso di fotocamere di grande formato, tuttavia recentemente ha iniziato a esplorare le possibilità dei sistemi digitali, cosa che ha visto un cambiamento significativo e inaspettato nella sua pratica. Nella sua ultima pubblicazione The Moth, ha rivisitato i paesaggi minerari della Cornovaglia occidentale dove ha realizzato The Red River negli anni ’80.